Riso Venere: consigli su cottura e condimento

riso venere 1650632686 - Riso Venere: consigli su cottura e condimento

Le origini storiche del riso venere o Riso Proibito, risalgono al XlX secolo in Cina, tra le varietà di riso, il chicco scuro divenne da subito una varietà pregiata ed esclusiva, tanto che la sua coltivazione era destinata unicamente alla mensa dell’imperatore, da qui la definizione “Riso Proibito”. Mettendo da parte la sua storia e leggenda, il riso venere che tutti noi consumiamo arriva in occidente nel 1997, ed è ottenuto dall’incrocio, ovviamente naturale, di queste specie (di chicchi) cinesi di altissima qualità con sementi italiane che ne costituirono l’aroma e il gusto, ed è proprio in Italia, specialmente a Vercelli in Pianura Padana, che il nostro Riso Venere viene coltivato.

Il colore scuro del Riso Venere è dato dalla parte fibrosa esterna, che a differenza del riso brillato, non viene eliminata lasciando così le tante proprietà nutrizionali. Sono proprio queste proprietà, però, a limitarne l’uso in cucina soprattutto nei piatti che richiedono una mantecatura, impossibile per via del poco amido rilasciato dal Riso Venere. Niente paura, non tutto in cucina va mantecato. Le ricette che hanno come base il Riso Venero sono tante e soddisfacenti per tutti i palati.

Cottura del riso Venere

Le cotture del riso Venere sono varie e differenti. Iniziando dalla più rapida, tramite la pentola a pressione, in soli 15 minuti (da quando la pentola va in pressione) il riso sarà cotto e non avrà perso neanche una delle sue sostanze nutritive. La più conosciuta e usata è ovviamente la cottura a bollitura, il riso si cuoce in pentola dalla bollitura per il tempo necessario, è il metodo più lungo per la cottura del riso e necessita fino a 40 minuti. Per risparmiare tempo e creare ricette dal gusto orientale, non dobbiamo escludere la cottura Pilaf, originaria della Turchia, consiste nella tostatura in padella del riso che poi viene coperto con acqua o brodo e posto in forno per 30 minuti circa a 200°, fino ad assorbimento di tutti i liquidi.

Ricette per cucinare il riso Venere

Ottimo per tutte le stagioni, in particolare per le più calde, il Riso Venere entra nelle cucine italiane con la classica ricetta composta gamberetti e zucchine, restando in tema estivo il riso venere è un’ottima base su cui variare le molteplici insalate fredde, da poter mangiare in casa o da portarsi dietro per ogni occasione. Per i più fantasiosi e golosi il Riso venere si adatta perfettamente alla preparazione dello sformato di Riso, grazie alla sua resistenza durante la cottura, anche in forno, sarà un ottima base a cui aggiungere petto di pollo, scamorza, prosciutto, piselli e scorza di limone per la ricetta originale senza però togliere creatività sarà possibile condirlo con gli ingredienti più giusti per i vostri palati.

Se si cerca un piatto leggero e saporito, tramite la cottura pilaf, si può aggiungere al riso il curry o altre spezie a piacimento insieme al pollo, acquistando così un piatto ricco e salutare che rilasci quei sapori orientali amati da molti. Se siete alla ricerca di un piatto sofisticato e di una sfida degna di Master-chef consigliamo l’ottima crema di riso venere, cavolo nero, lampone e cannella. Il procedimento di questa ricetta inizia dalla lessatura del riso, dovrà essere stracotto, per poi essere frullato. Passando poi per i lamponi con cui creare un’emulsione che verrà condita con il cavolo nero, lessato in precedenza. Il tutto verrà impiattato con la mondata di un finocchio per creare un piatto che lascerà senza parole ospiti ed eventuali giudici!

Il Riso Venere con le sue qualità e proprietà consente la creazione di piatti saporiti e sfiziosi mantenendo sempre un basso quantitativo di calorie, che in ottica dell’estate, ne rende l’utilizzo ancora più appetibile.