Bruciore di stomaco: cosa mangiare

bruciore stomaco 1656681775 - Bruciore di stomaco: cosa mangiare

Il bruciore di stomaco è una condizione che prima o poi tutti sperimentano, soprattutto in seguito ad abbondanti pasti o dopo aver mangiati cibi particolarmente ricchi di grassi. Ma questo disagio può essere causato da diversi fattori, non solo da una scorretta alimentazione. Causano bruciore di stomaco ansia e stress, ma anche situazioni fisiologiche, come la gravidanza o il reflusso gastroesofageo.
Keto Actives Call - Bruciore di stomaco: cosa mangiare

Bruciore di stomaco: quali sono i cibi permessi

Di regola, quando si vive questa fastidiosa condizione è consigliato aumentare la frequenza dei pasti ma diminuire la quantità di cibo; è inoltre indispensabile evitare di consumare pasti prima di andare a letto.

Per quanto riguarda i cibi utili a combattere il bruciore e l’acidità di stomaco, gli esperti raccomandano di aumentare l’assunzione di fibre, poiché queste permettono di migliorarne i sintomi. Sono ricchi di fibre: verdure, cereali integrali e legumi. Altra categoria di alimenti che aiutano a combattere i problemi gastroesofagei sono quelli proteici, i più consigliati sono: carne, pesce e prodotti caseari freschi.

Soprattutto lo yogurt che è ricco di probiotici, i quali sono utili oltre che per il miglioramento del bruciore di stomaco, ma in generale giovano alla flora intestinale e ai sintomi del reflusso. Anche la soia fermentata ha degli effetti benefici per lo stomaco, poiché se consumata con regolarità riduce l’insorgenza.

Per quanto riguarda i liquidi invece, oltre all’acqua possono essere assunte tisane a base di sostanze stimolanti della digestione, come: il finocchio, la camomilla, il tiglio; ma anche bevande a base di frutta e verdura. Vediamo nello specifico alcuni cibi che possono essere assunti quando si avverte bruciore di stomaco:

  • La mela: mangiare una mela nel corso di un episodio di bruciore di stomaco aiuta a calmarne i sintomi, poiché è ricco di vitamine e fibre;
  • L’estratto di cavolo: può essere assunto anche a stomaco vuoto, prima di consumare il pasto. Ha importanti proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti, quindi è anche utile in caso di ulcera;
  • Ananas: la sua funzione digestiva è dovuta alla bromelina e si consiglia di consumarla al termine dei pasti.

Alimenti che causano il bruciore: quali evitare

Uno scorretto regime alimentare è quindi la causa principale dell’insorgenza di questo disturbo. È necessario quindi riuscire ad individuare quali cibi scatenano il bruciore di stomaco e quali invece sono concessi.

Una volta che si è sviluppata la condizione infiammatoria dello stomaco, alcuni alimenti possono peggiorarla. Tra questi ci sono quelli troppo piccanti, eccessivamente grassi, acidi, gli agrumi, ma anche il cioccolato, il caffè e le bevande zuccherate, gassate e gli alcolici.

Alcuni consigli utili per la prevenzione del bruciore di stomaco

Dopo aver individuato i cibi amici dello stomaco e quelli che invece possono provocare disturbi gastrointestinali, vogliamo ora dare alcuni consigli utili da seguire al fine di prevenire l’insorgere del bruciore di stomaco:

  • Evitare i pasti abbondanti;
  • Attendere almeno 3 ore dopo il consumo del pasto, prima di andare a dormire;
  • Praticare regolare attività fisica;
  • Evitare fumo e alcolici;
  • Consumare i pasti masticando lentamente.

La dieta mediterranea ricca di frutta e verdura rappresenta sicuramente una buona base per contrastare i disturbi gastroesofagei, bruciore e acidità di stomaco in particolare. Tuttavia è necessario rivolgersi ad uno specialista e un esperto di nutrizione, per avere maggiori informazioni circa la propria condizione fisica.