Riso in bianco: suggerimenti per condirlo

riso bianco 1651067153 - Riso in bianco: suggerimenti per condirlo

Il riso in bianco può essere una soluzione molto valida per alleggerire lo stomaco dopo giornate all’insegna dei pasti abbondanti. Ad ogni modo, un’idea del genere continua a far storcere il naso a causa del condimento molto limitato. Il piatto sembra molto triste, ma con pochi tocchi può diventare elettrizzante.

Quali suggerimenti per condirlo vanno seguiti? Bastano alcune dritte per raggiungere risultati interessanti, rendendo il primo salutare e gustoso. Ecco alcuni consigli da portare avanti per un riso in bianco diverso rispetto al solito.

  • RISO ORIGINARIO: Chicchi piccoli e tondeggianti che assorbono rapidamente l’acqua e tendono a rilasciare l’amido
  • È SPECIALE PERCHÉ: È un riso versatile nel suo utilizzo, per una cucina creativa. TEMPO DI COTTURA: 14-15 minuti
  • SUGGERIMENTI D’USO: Puoi utilizzare il riso Originario per preparare minestre, minestroni, ripieni, torte di riso e dolci
  • VIVERE BENE CON GUSTO: Il benessere dal riso deriva dai suoi carboidrati facilmente assimilabili, dalle sue proteine nobili e dall’assenza di allergeni che possono provocare fastidiose reazioni avverse
  • I prodotti Riso Scotti ti accompagnano con Gusto e Benessere in ogni momento della giornata. Con la stessa attenzione con cui tu scegli prodotti sani, noi ci impegniamo a offrirti la miglior qualità per un’alimentazione equilibrata
  • Riso antimacchia
  • Confezione da 450gr
  • Non commestibile
  • Produzione Italiana
  • Ideale per matrimoni e cerimonie
  • Basmati in lingua hindi (parlata in india settentrionale) significa regina della fragranza
  • Si tratta infatti di un riso molto profumo e con un sapore molto gradevole (ricorda molto il legno di sandalo)
  • Si tratta infatti di un riso molto profumo e con un sapore molto gradevole (ricorda molto il legno di sandalo)
  • Tibiona produce gran parte delle farine presso il Molino Bongiovanni, attivo dal 1880 a Pogliola in provincia di Cuneo
  • Molino Bongiovanni produce le proprie farine esclusivamente con il mulino a pietra vulcanica e tutta l’energia utilizzata è autoprodotta da fonti rinnovabili

La scelta del riso adatto

La prima operazione da compiere riguarda la scelta del riso adatto. Si tratta di un cereale consumato a livello globale, perfetto anche gli intolleranti al glutine. Le sue proprietà nutritive sono davvero notevoli, tra le quali spicca anche la percentuale di amido. Un elemento simile può fare la differenza per una scelta di qualità.

L’amido è una sostanza rilasciata durante la cottura del riso. Per la preparazione di un primo piatto in grado di soddisfare ogni richiesta, serve un cereale che possieda amido in elevate quantità, come ad esempio il riso fine o super-fine. In questo modo, ogni chicco diventa duro e ben resistente alla cottura.

Come si cucina il riso in bianco per renderlo un primo piatto ottimale

Sono numerose le ricette da attuare per rendere il riso in bianco un primo piatto di assoluto rilievo, da inserire nelle abitudini alimentari quotidiane. In questo modo, una combinazione del genere non si limita all’assunzione in periodi di scarsa forma fisica.

La ricetta più semplice

Partiamo dalla ricetta, forse, più semplice in senso assoluto. In primo luogo, bisogna lavare i chicchi e versarli nello scolapasta. In questo modo, è possibile rimuovere ogni tipo di impurità prima di cuocere il riso, per poi asciugarlo con la carta assorbente da cucina.

Quindi, si prende una pentola da riempire con tanta acqua, per poi farla riscaldare sul fuoco. Quando l’acqua bolle, bisogna aggiungere il sale e versare il riso. I tempi di cottura sono indicati direttamente sulla confezione. Una volta terminata la procedura, non resta altro da fare che scolare. Il piatto può essere arricchito con alcuni tocchi di burro e una spruzzatina di formaggio grattugiato.

Il latte di cocco sul riso in bianco

Una valida alternativa coincide con l’inserimento del latte di cocco nel riso in bianco. La ricetta prevede l’inserimento di un peperone rosso e uno giallo, oltre a uno spicchio d’aglio, lo scalogno, il curry, oltre al sale e all’olio d’oliva. Lo scalogno tritato va mescolato con il peperone tagliato a pezzi, per poi aggiungere il riso, il latte di cocco e mezzo bicchiere d’acqua.

La pentola va fatta cuocere a fiamma bassa, fino a quando il riso non assorba l’acqua. Quindi, va preso l’altro peperone e spezzettato, per poi aggiungere olio e aglio. Ora bisogna solo frullare tutto e servire un riso in bianco davvero sorprendente, da mettere in forma tramite appositi stampini.

Un condimento perfetto con pochi e semplici passaggi

Quando il riso viene scolato, bisogna scegliere solo come condire il riso in bianco. Chi vuole può aggiungere un po’ di formaggio grattugiato, o magari un pizzico di burro o qualche traccia di olio extravergine. Si tratta comunque un piatto semplice e considerato povero, da impreziosire mediante alcune spezie aromatiche.

Ogni elemento può essere aggiunto in un secondo momento per rendere il riso in bianco ancora più prelibato. Al tempo stesso, la pietanza è ottima per realizzare un’insalata genuina, magari mescolandolo con carne o pesce. La ricetta può essere attuata in qualsiasi periodo dell’anno e fornire risultati sorprendenti.